Richiedi gratis un preventivo

Discoteca Baia Imperiale Gabicce Mare

La discoteca Baia Imperiale è universalmente considerata tra le 10 discoteche più belle al mondo ed è situata a strapiombo sul mare, tra le morbide colline di Gabicce Mare che definiscono i confini tra le Marche e la Romagna, in una posizione assolutamente unica da cui domina incontrastata le acque dell’Adriatico. La Baia Imperiale rappresenta un autentico oggetto di culto per il popolo della notte in quanto ha segnato la storia della musica e ha dettato le tendenze di intere generazioni sia a livello nazionale che oltre le frontiere italiane. Da decenni il locale viene costantemente preso d’assalto da schiere di appassionati di musica di ogni genere per trascorrere serate e notti indimenticabili avvolti in uno scenario unico al mondo. Entrare nella Baia Imperiale equivale ad immergersi in un sogno di cui possono far parte oltre 10.000 persone, tale è infatti la capienza del locale che dispone di 5 sale da ballo, piscina, incantevoli spazi all’aperto e un ingresso maestoso.

.: LE ULTIME NOVITA’ :.

Baia Imperiale - Opening Party

4 Giugno 2016 - Un grande party inaugurale di una lunga stagione estiva ricca di grandi eventi e bellissime serate. Per la grande apertura della baia Imperiale, in stile romano, troviamo Fabrizio Corona.

Inserito il: 19-05-2016 da utente01

Baia Imperiale - Giugno 2015

Giugno 2015 - Fuck the Friday, Baia degli Angeli Remember, The chainsmokers, Baia Pop e Notte Rosa 2015 . Divertimento assicurato su 5 piste: House, Commerciale, Revival, Hip Hop e Rock. Da luglio fino a settembre la Baia Imperiale è aperta tutte le sere!

Inserito il: 15-06-2015 da Sabine

Pasqua Baia Imperiale 2015 con i Fratelli Vinai

Domenica 5 aprile 2015 grande appuntamento con la Baia Imperiale che vi aspetta per una grande serata di Pasqua insieme ai fratelli Vinai.

Inserito il: 17-03-2015 da Sabine

Visualizza tutti gli articoli della categoria BAIA IMPERIALE

La sua imponente struttura ripropone, sia all’interno che all’esterno,  lo stile di un’enorme villa romana dell’età augustea a partire dalla solenne scalinata composta da 100 gradini di marmo bianco ai cui lati sono disposte 14 statue di imperatori romani alte oltre 3 metri, mentre 2 obelischi di 7 metri ciascuno contornano una fontana in cui spicca la bronzea scultura del dio Nettuno. Sullo sfondo si staglia un grandioso colonnato che sorregge la facciata dell’edificio. Facendo il proprio ingresso nel locale, che si sviluppa su 4 piani,  si resta avvolti da un’atmosfera magica e coinvolgente, a tratti surreale, mentre tutt’attorno si è circondati da colonne, troni, sfingi, centauri e ancelle. Sotto il profilo musicale la Baia Imperiale propone una scelta estremamente ricca e articolata nei vari generi musicali che vengono suonati nelle 5 sale da ballo. La sala Zodiaco, in cui si danza all’interno di un’esedra romana altamente scenografica, è il regno indiscusso della musica house che ha ospitato mostri sacri della consolle di fama internazionale come Joe T. Vannelli, Bob Sinclair e Micheal Gray. La sala Katatumba è invece una piccola saletta collegata alla sala centrale in cui si propone solitamente musica rock e afro, quindi generi alternativi rispetto a quelli tipicamente da discoteca. Al secondo piano si entra nella sala Senato dove si balla musica commerciale, rhythm and blues e un’esclusiva selezione del meglio della musica pop e house del decennio 1990-2000. Sempre al secondo livello si trova la sala delle Terme realizzata a immagine delle antiche terme romane e dedicata alla musica revival degli anni ’70 e ’80. Vi è poi la bellissima piscina all’aperto ai cui bordi potrete rilassarvi e assaporare il piacere della brezza notturna mentre salendo di un altro piano si giunge tra le stelle fino alla Terrazza dei Cesari, luogo d’elezione della musica black, da cui potrete ammirare una panoramica ineguagliabile dell’Adriatico che, sotto il bagliore delle luci notturne, vi lascerà senza parole. L’apertura del locale al pubblico, con il nome di Baia degli Angeli, risale al lontano 1975 quando l’imprenditore Giancarlo Tirotti riuscì a creare un ambiente esclusivo ed elegante, dipinto di bianco in cui risaltavano le immagini di una bellissima Marylin Monroe mentre l’illuminazione del locale era affidata a una batteria di fari posta su un braccio meccanico che si muoveva da una parte all’altra. Assolutamente originale era la postazione del dj collocata all’interno di un ascensore in vetro così come la passerella posta su una delle piscine e sulla quale i clienti potevano ballare. Ma la vera protagonista e l’elemento che rese unica e famosa la Baia degli Angeli fu la musica. Stravolgendo la consuetudine universalmente accettata a quei tempi di alternare 5 pezzi veloci a 5 brani lenti, Tirotti seguì le nuove tendenze newyorkesi e propose solo ed esclusivamente disco music per tutta la sera mixando un brano dopo l’altro. Contemporaneamente scritturò per il suo locale i dj americani Tom Season e Bob Day e posticipò l’orario di chiusura alle 6 del mattino. Singolare fu anche l’idea di lanciare dal tetto dell’edificio un raggio laser che, come una stella cometa, richiamava il popolo della notte. Tutti questi elementi contribuirono, ciascuno  in varia misura, a decretare lo straordinario successo del locale che nel triennio 1976-79 si ritagliò un ruolo importante nel panorama musicale e delle tendenze giovanili di quegli anni in Italia. Nel ’77 Season e Day lasciarono il locale e furono sostituiti da Daniele Baldelli e dj Mozart che divenne in seguito un emblema della Baia degli Angeli. Grazie a un’incredibile versatilità i due nuovi artisti della consolle riuscirono a mixare la disco music con l’elettronica e il jazz-rock e, utilizzando il funky come collante, crearono uno stile unico e di grande successo. Purtroppo nel ’79 la discoteca fu teatro di un episodio tragico, la morte per overdose di un ragazzo nel parcheggio della Baia, e l’inchiesta che ne scaturì decretò la chiusura del locale. I proprietari cercarono poi di riaprire la discoteca con il nome di Nepentha, l’angelo della Baia senza riscuotere però l’atteso consenso di pubblico basti pensare che la nuova avventura durò circa un anno. Al 1985 risale invece l’apertura del locale con il nome e l’immagine che oggi tutti conosciamo: la Baia Imperiale, maestosa e scintillante villa romana, tempio della musica e del divertimento.

Per maggiori informazioni: http://www.baiaimperiale.net/